Post

Visualizzazione dei post da maggio 3, 2018

Giro 2018, un viaggio nella Storia

Immagine
Prima ancora di cominciare, il Giro d'Italia numero 101 è già nella Storia. Quella con la maiuscola: per la prima volta la corsa rosa esce dai confini europei e abbraccia il mondo nella sua globalità.
Motivi economici, ma non solo: la Grande Partenza, lungo le vie antiche di Gerusalemme, è un ideale ponte di fratellanza che in un chilometro quadrato abbraccia e unisce i più visitati simboli delle più diffuse confessioni monoteiste: la Cupola della Roccia per i musulmani, il Muro del Pianto per gli ebrei, il Santo Sepolcro per i cristiani.
Da questo melting pot di spiritualità e culture parte un percorso duro ed equilibrato fra crono (solo 44 km) e montagne: 39 GPM, 8 arrivi in salita con Zoncolan, la "Cima Coppi" Colle delle Finestre, e la mitologica Sappada 31 anni dopo l'affaire Roche-Visentini.
I favoriti sono il campione uscente Tom Dumoulin, primo olandese a vincere il Giro e così innamorato del Bel Paese e di questo percorso da preferirli al Tour. 
Già, il Tou…

Roche in the firing line

CYCLING WEEKLY - 2018 GIRO PREVIEW
There have been many instances of foreign riders having to ride the gauntlet of the tifosi at the Giro d’Italia, going right back to the inter-war years. What was undoubtedly the most infamous instance, though, occurred in 1987, when Ireland’s Stephen Roche lined up with the Italian Carrera team as co-leader alongside defending champion and crowd favourite Roberto Visentini. 
The pair both held the lead, Visentini seemingly taking a decisive grip on it when he crushed Roche and the rest of the field in a long time trial at San Marino. Yet, two days later, Roche struck back, defying team orders and the unwritten laws of cycling with a solo attack that saw Visentini crumble and the Irishman back in the maglia rosa. Now Roche had a very different enemy to face up to, as his loyal team-mate Eddy Schepers recalls.
“If he hadn’t taken the jersey that day at Sappada, I think they would have sent us home because we hadn’t followed the orders of the team dir…