Post

Visualizzazione dei post da marzo 30, 2019

Three reasons why Texas Tech will win the national title in Minneapolis

Immagine
https://eu.usatoday.com/story/sports/ncaab/2019/03/30/ncaa-tournament-final-four-march-madness/3322284002/

Scott Gleeson USA TODAY Published 11:02 PM EDT Mar 30, 2019
Texas Tech took down No. 1 Gonzaga in the Elite Eight on Saturday to win the NCAA tournament's West Regional and become the first team to book a trip to the Final Four in Minneapolis next week. 
Here's a look at three reasons the Red Raiders (30-6) can cut down the nets in the national title game on April 8:
1. Smothering defense.  It's more than just the stat sheet, which has Texas Tech leading the country in defensive efficiency (per KenPom) and field goal percentage defense (opponents only shoot 36.7%). The Red Raiders have tremendous length and apply pressure that can make the most dynamic offenses become discombobulated. In its last three games, Texas Tech shut down a high-octane Buffalo offense, limited Michigan to a tournament-record low of 16 first-half points and forced Gonzaga's high-scoring offe…

JACK SIKMA - Centro di gravità... permanente

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

In ogni settore, in qualsiasi campo della vita, cʼè sempre qualcuno che viene considerato avanti ai tempi, che in un determinato momento storico fa e crea cose che ai più appaiono strane o di difficile comprensione e che, in un futuro più o meno prossimo, si rivelano poi essere la strada giusta. Quindi, come Galileo Galilei ha sensazionalmente scoperto che era la Terra a muoversi attorno al sole e come i Clash hanno inventato il crossover e il meticciato apparentemente impossibile tra punk e reggae, Jack Wayne Sikma è stato il primo centro NBA corpulento e rimbalzista a essere un buonissimo tiratore da fuori e ad avere spaventose percentuali ai tiri liberi. 
Nato il 14 novembre 1955 a Kankankee, Illinois, ridente cittadina a sud di Chicago sulla Interstate 57 che scende fino a Memphis, Jack Sikma è il classico ragazzone bianco, timido e po…

RALPH SAMPSON - Il più grande potenziale di sempre

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

L’icona del giocatore dalle immense potenzialità su quale gli addetti ai lavori ripongono grandissime aspettative, ma che per motivi fisici e psicologici non è riuscito a fare breccia nella storia “importante” della NBA. Una power forward di 225 centimetri, ecco cosʼera Ralph Sampson nei suoi anni dʼoro a Houston in maglia Rockets. Lui e il nigeriano Akeem Olajuwon erano le Twin Towers, e dominavano. Si nutrivano lʼuno della classe e della potenza dellʼaltro, e per la franchigia biancorossa del Texas si prospettavano grandi soddisfazioni, e anelli NBA, da fare invidia agli eterni rivali Los Angeles Lakers. E invece i Rockets – che pure ci erano andati vicino a cavallo degli anni Settanta-Ottanta con in mezzo allʼarea Moses Malone – per vincerli, quei titoli, hanno dovuto aspettare la metà degli anni Novanta, sempre con Hakeem Olajuwon (che …

DAN ROUNDFIELD - Weʼll Miss You, "Doctor Rounds"

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

La maglia di quegli Atlanta Hawks, quelli di Dan Roundfield all’apice della sua carriera, era spettacolare. Chissà perché il ricordo di chi scrive va a quella canotta, da trasferta, rosso acceso con il numero giallo e la scritta «Hawks» rossa, il nome della squadra davanti e quello sulla schiena obliquo, chissà perché quel ricordo si materializza proprio con i capelli che cominciavano a tendere al bianco di una intensa, verticalista e talentuosa power forward di nome Danny Thomas Roundfield. 
Nato nel 1953 a Detroit, Michigan, 2.03 di esplosività, Roundfield era un lottatore d’area, grande saltatore, poteva difendere con efficacia su qualsiasi giocatore delle front court avversarie, ed era capace di dare un solido contributo anche in attacco. La nomea di realizzatore Roundfield non ce l’ha mai avuta, anche se è la sua prolificità offensiva ha …

DENNIS RODMAN - The Worm

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

L’autorevole Slam Magazine, a giugno 2003, ha dedicato un intero numero speciale ai 75 migliori giocatori della storia NBA. Al primo posto c’è, ovviamente, Michael Jordan, e i più forti ci sono quasi tutti, ma non mancano palesi “provocazioni”, qualche giocatore particolare, magari non un grande realizzatore o un leader, ma che comunque, nella storia NBA, qualcosa ha significato. 
La provocazione principe, Dennis Rodman, è al 69º posto. Il testo recita che anche al 1.115 Broadway-8th Floor, la redazione del magazine, si è discusso se includere o no Rodman, ma che alla fine, giustamente, si è guardato a ciò che Dennis ha fatto nella lega. 
Su American Superbasket, correva l’anno 1996, in un bellissimo articolo Dan Peterson affermò che Rodman fu il vero MVP della Finale NBA di quell’anno, argomentando meravigliosamente la sua tesi con ques…

MICHAEL RAY RICHARDSON - Sugar

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

Qualsiasi tifoso della Virtus Bologna, come molti semplici abitanti della città, potrebbe parlare per ore di Michael Ray Richardson, universalmente noto come “Sugar” e, nonostante le “marachelle” da lui combinate in terra emiliana, visceralmente amato dai tifosi della V nera. I bolognesi potrebbero narrare decine di leggendarie peripezie extra-cestistiche (mai davvero comprovate, anche se quasi certamente veritiere) di Richardson al volante della sua fiammante auto sportiva che cambiava ogni mese e della compagnia femminile di turno, che cambiava ogni settimana
Moltissime persone a Bologna potrebbero testimoniare “cosa” fosse Michael Ray al di fuori del “Madison” di Piazza Azzarita. Ma molto prima che Sugar venisse a mettere a ferro e fuoco lʼEuropa in campo e fuori, Richardson fu un mattatore della NBA. Una delle più classiche espressioni…

KURT RAMBIS - La rivincita del nerd

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

Kyriakos Rambidis era la giovane e vigorosa ala forte americana (anche se con cittadinanza greca) dell’AEK Atene in quella memorabile stagione 1980-81, quando i gialloneri vinsero la loro prima Coppa di Grecia, battendo 84-78 l’Iraklis Salonicco alla vecchia e storica Glyfada Indoor di Atene. 
Nato nel 1958 a Terre Haute, Indiana, la storia del giovane Kyriakos e della sua famiglia è comune a quella di migliaia di famiglie di migranti europei del XX secolo: arrivo negli Stati Uniti un paio di generazioni prima, alla ricerca di fortuna, e paziente e meticolosa costruzione di qualcosa di buono nella vita, attività commerciale, famiglia e un minimo di sicurezza per il futuro. 
Trasferitosi a Cupertino, California, ancor prima di cominciare a frequentare la scuola, e sviluppando notevoli doti fisiche tali da scegliere la pallacanestro, Kurt Rambis…

FRANK RAMSEY - Il primo Sixth Man

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

Arnold “Red” Auerbach trattava tutti i suoi Boston Celtics allo stesso modo, cioè male. Frank Ramsey una volta dichiarò: «Se Auerbach veniva da te e ti faceva malamente cadere addosso della cenere del suo sigaro, voleva dire che gli piacevi». 
Se nel basket esistesse qualcosa di riconducibile al “brevetto” di unʼinvenzione, una persona su tutte ne deterrebbe tantissimi, di quei certificati di “paternità”, e quella persona sarebbe stata Arnold “Red” Auerbach. L’antesignano degli antesignani, l’innovatore degli innovatori, un uomo che nella sua esistenza ha osato andare oltre le consuetudini, le correnti di pensiero, le tradizioni. Un uomo che ha fondato i princìpi del basket moderno, sia a livello di approccio al gioco (di cui era maestro ribelle e del quale aveva “visioni” poi divenute certezze) sia a livello di “marketing” primordiale. 
Una d…

NORM NIXON - Playmaker vecchia maniera

Immagine
di DANIELE VECCHI
Old Timers - Quando la NBA era lʼAmerica
https://www.libreriadellosport.it/libri/old_timers_-_quando_la_nba_era_il_basket.php

Debbie Allen, la professoressa di ballo Lydia Grant nel famoso (tra i quarantenni di oggi) telefilm Fame (“Saranno famosi”), ha involontariamente macchiato la purezza degli pionieri italiani appassionati NBA della prima ora, diventando la compagna di Norm Nixon, allora playmaker dei Los Angeles Lakers. Bravo lui, brava lei, bravi tutti, anche e soprattutto perché i loro figlioletti (Norm Jr. e Vivian) hanno seguìto le orme dei genitori: Norm Jr. ha giocato a basket al Wofford College in South Carolina e poi a Southern University, Vivian è una bravissima ballerina on-Broadway. 
Nato lʼ11 ottobre 1955 a Macon, Georgia, Norman Nixon prese il proscenio cestistico statunitense nei suoi anni in Pennsylvania, a Pittsburgh, indossando la maglia dei Dukes di Duquesne, che nel suo anno da senior, il 1977, con le sue giocate da folletto (Nixon è alto 1…