Post

Visualizzazione dei post da maggio 13, 2019

Viviani, se mi scarti non VAR

Immagine
Così, però, non VAR. Elia Viviani si stira e rimira la maglia tricolore, ma l'esplosione di gioia - e di potenza - per la sua prima vittoria al Giro 102 dura un attimo.
Tanto quanto lo scarto malandrino con cui l'olimpionico s'è speronato con la scarpa di Matteo Moschetti, bravo a non cadere ma comunque danneggiato. E al quale, appena tagliato il traguardo, il campione nazionale italiano ha subito chiesto scusa.
Come da regolamento, che vieta il cambio di traiettoria negli ultimi duecento metri, la giuria lo ha declassato al 73-esimo e ultimo posto del primo gruppo; e assegnato la vittoria al secondo classificato, il colombiano Fernando Gaviria, che da buon ex compagno di squadra e attuale di scuderia (i due hanno lo stesso procuratore, Giovanni Lombardi, olimpionico a Barcellona '92), ha dichiarato di non sentirsi il vero vincitore. 
Corsi e ricorsi storici: Giro '95, a Cento, vinse Cipollini ma fu declassato (la vittoria andò a Svorada) per aver spostato con una…