Post

Visualizzazione dei post da aprile 10, 2016

Boonen & Hayman, storie di pavé

Immagine
A cinquanta centimetri dalla storia. Si ferma lì il sogno di Tom Boonen di essere il primo a vincere 5 Parigi-Roubaix. Tra i quattro litiganti – i favoritissimi Cancellara e Sagan, più i belgi Boonen e Vanmarcke – è il quinto a godere. Quello che non ti aspetti: l’australiano Mathew (una t) Hayman.
Trentotto anni il prossimo 20 aprile, magari al tramonto ma non un carneade: decimo nel 2011, ottavo nel 2012. Primo quest’anno, da battitore libero nella australiana Orica GreenEdge che correva per un altro belga, Jens Keukeleire. Dopo essersi rotto il radio destro il 29 febbraio nella Het Nieuwsblad, e battendo specialisti come Tommeke Boonen, e Ian Stannard del team Sky, tornata sul podio di una Monumento dopo Ben Swift secondo a Sanremo.
La più bella Pascale degli ultimi vent’anni è stata l’ultima per Cancellara, caduto ai -45 e saltato con un’impennata da Sagan, rimasto in sella per miracolo.
Il miracolo vero però l’ha fatto il secondo australiano, dopo Stuart O’Grady nel 2007, capace…

Roubaix 2016: Raiders on the Storme

Immagine
di Simone Basso, Il Giornale del Popolo, 9 aprile 2016
Tempo di Parigi-Roubaix: il Monumento più importante e glorioso, nonché - per la prima volta - telediffuso dalla partenza all'arrivo. Una sfida selvaggia, ancestrale, che nell'immaginario pop trascende una semplice gara ciclistica.
I PROTAGONISTI Zerosedici di lusso, edizione numero 114, caratterizzata dall'ennesimo braccio di ferro tra i due ras generazionali. Il nuovo mammasantissima, Peter Sagan, reduce dal primo (grande) successo in una Classicissima alla Ronde, e Fabian Cancellara, fuoriclasse che - col declinante Tom Boonen - ha firmato un'era nelle corse di Primavera, all'ultima Rubè della carriera. Domenica scorsa, nelle Fiandre, Spartacus ha collezionato il suo sedicesimo (!) podio in una delle cinque competizioni Monumento. L'indice statistico che sottolinea la grandezza del bernese: prima di lui nella classifica solo il Cannibale, Eddy Merckx, con diciotto e Monsieur Roubaix, Roger De Vlaeminck,…