Post

Visualizzazione dei post da 1996

ADDIO TORRIANI, ANIMA DEL GIRO

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1996/04/25/addio-torriani-anima-del-giro.html
di LEONARDO COEN la Repubblica 25 aprile 1996
MILANO - Se n' è andato il "Patron" del Giro d' Italia: Vincenzo Torriani è morto ieri a Milano a 77 anni per le conseguenze di una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale. 
Dal mondo del ciclismo è venuto il ricordo di ciò che Torriani è stato per questo sport: l' organizzatore instancabile di ben 46 edizioni del Giro - prima edizione nel 1946 -, oltre che della Sanremo e di altre classiche italiane. 
Aveva lasciato la sua corsa, tanto amata, nel 1992, perché già colpito dal male. Il figlio Marco, 44 anni, collaborava con lui ed è ora un dirigente della struttura organizzativa. Torriani lascia altri due figli, Gianni e Milly. 
Lo hanno ricordato in molti: da Fiorenzo Magni ("Un uomo all'avanguardia che precorreva i tempi ed era sempre un passo avanti agli altri") a Vittorio Adorni ("…

Stephen Roche: «A La Plagne hanno capito chi era il duro»

Immagine
Bicisport n.2, febbraio 1996
Roche faccia d’angelo non dimenticherà mai il 1987. Per lui è stato un anno magico: in dodici mesi è riuscito vincere Giro, Tour e mondiale e contempoaneamente ha tappato la bocca a quelli che lo criticavano penando che fosse un corridore senza midollo.
«Ho fatto cambiare idea tutti il giorno della tappa di La Plagne. In testa mi frullavano le critiche della gente: “Stefano non è un duro, Stefano non ha carattere” e via di questo passo. Quel giorni chi mi ha seguito è rimasto impressionato. Ho dato la prova che anch’io sono fatto di “pasta” irlandese e che in fatto d generosità e di grinta non sono secondo a nessuno. In cima alla salita ero praticamente morto. Credo di aver realizzato una impresa incredibile. Prima ho avuto il sangu freddo di lasciar andare Delgado senza inseguirlo. Poi la lucidità per scegliere il tempo giusto del mio attacco. Il vantaggio di Pedro si era stabilizzato intorno al minuto e venti. Mancavano quattro chilometri e io son p…