Post

Visualizzazione dei post da febbraio 3, 2017

Chelsea vs Arsenal, una rivoluzione dopo

Immagine
Dall'Emirates a Stamford Bridge, 133 giorni dopo. È cambiato il mondo, in Premier da quel 3-0 Gunners alla sesta giornata, il 26 settembre, che portò, al Chelsea, la vera rivoluzione contiana: altro sistema di gioco (dal 4141 al 3421) con promozioni insospettabili (Marcos Alonso e Moses esterni, Azpilicueta centrale di destra) ed esclusioni eccellenti.

Su tutte Oscar, finito in Cina, e il veterano Ivanovic: all'andata capitano con Terry infortunato e di lì in poi titolare solo l'8 gennaio nel 4-1 al Peterbrough nel terzo turno di FA Cup.

Da quella sconfitta con l'Arsenal, la seconda consecutiva in campionato e contro un'altra grande dopo il ko in casa col Liverpool, i Blues spiccarono il volo.

Tredici vittorie filate in Premier, record all-time dell'Arsenal versione "Invincibili" eguagliato, e inframmezzate solo da un altro derby perso, l'1-2 col West Ham, costato l'eliminazione nel quarto round di League Cup. Torneo dal quale l'Arsenal…

Ohio, là dove si elegge il presidente Usa

http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2016/11/04/news/ohio-la-dove-si-elegge-il-presidente-usa-1.287350
È lo Stato decisivo, dove hanno vinto tutti gli ultimi Numero Uno della Casa Bianca. Oggi crisi economica e rabbia sociale possono favorire Donald Trump 
DI ALBERTO FLORES D’ARCAIS
Lo chiamano “Mother of Presidents”, perché ha mandato alla Casa Bianca sette suoi figli nativi e perché nel macchinoso sistema di voto degli Stati Uniti i suoi (18) “voti elettorali” sono (quasi) sempre decisivi. Anche quest’anno - come da tradizione - candidati, media, opinione pubblica e finanziatori seguono con un occhio di riguardo quanto accade in Ohio, lo Stato del Midwest che è da sempre una cartina di tornasole per sondare gli umori e la pancia degli Stati Uniti. E che quando vota (a maggioranza) un candidato sceglie - praticamente sempre - quello che sarà il presidente.
Dalla vittoria a valanga di Lyndon B. Johnson contro Barry Goldwater (1964) a quelle di Bill Clinton fino all’avvento di O…