Post

Visualizzazione dei post da luglio 12, 2018

Martin in cima al Mûr, l'Alpe d'Huez bretone

Immagine
Lo chiamano "l'Alpe d'Huez bretone", ma più per l'orgoglio locale che per la durezza. E certo non per i 21 tornanti, visto che il Mûr-de-Bretagne proprio non ne ha: è un drittone di quasi 2 km al 6,9 percento di media e la prima metà al 9%.  Ma che dopo 181 km, specie se preso a tutta e scalato due volte, sa far male. Eccome.
Qui un Vincenzo Nibali ben diverso, nel 2015, prese 20" da Alexis Villermoz, l'enfant du pays che vinse davanti a Daniel Martin, l'irlandese che quest'anno si è imposto con un'azione delle sue. Anticipando il francese Laporte e i favoriti di giornata Valverde e Alaphilippe. 
Un numero che in carriera gli ha già portato una Liegi e un Lombardia più altri 5 podi nelle classiche. Per il quasi 32enne nipote di Stephen (e cugino di Nicolas) Roche è il secondo successo al Tour dopo quello di Bagnères-de-Bigorre del 2013.
A fare più notizia però sono i 53" secondi per foratura (ai -5,8 km dall'arrivo) + i 20" di …