Post

Visualizzazione dei post da marzo 6, 2018

Remo Rocchia, dalla stalla alle stelle

Immagine
di CHRISTIAN GIORDANO ©
in esclusiva per RAINBOW SPORTS BOOKS ©


Lo incontro quando ormai è ora di cena mentre sta rientrando dalla passeggiata col cane, e non trovo il suo civico. È già buio, e il bianco delle recenti nevicate risalta ancora di più le montagne del Cuneese. La barriera naturale che gli ha segnato l'esistenza e una carriera tanto breve quanto sfortunata.


Borgo San Dalmazzo (Cuneo), 6 marzo 2018


- Remo Rocchia, lei che corridore è stato? «Un corridore mediocre, niente di più. Ho provato a far qualche cosina, in salita mi difendevo, però avevo i miei limiti. Ero uno scalatore puro».
- Come si è avvicinato al ciclismo? «Sono il nono di dieci figli in una famiglia poverissima. Abitavamo su in montagna, a Festione, in Valle Stura. Avevamo della terra, mio papà era contadino». 
- Eravate la classica famiglia che aveva bisogno di tante braccia? «Più che tante braccia, nel periodo della mia infanzia l’agricoltura in montagna veniva abbandonata. Oramai non c’era reddito, si…

Beppe Conti, la Ciclopedia flautata

Immagine
di CHRISTIAN GIORDANO ©
IN ESCLUSIVA PER RAINBOW SPORTS BOOKS ©


Lo incontro nella sua casa fuori Torino, dopo un lungo inseguimento e almeno un paio di appuntamenti saltati. L'ultimo, per via della neve. Ha mille impegni e tra questi la stesura di due libri, ormai quasi completata. Beppe Conti non ha bisogno di presentazioni. È la penna e la voce (flautata) del ciclismo, una ciclopedia umana. Una vita fra Tuttosport, Rai e Bicisport, 42 Giri d'Italia seguiti dal vivo (compreso quello del 2018). Conosce tutto e tutti. 
Amatissimo dalla gente, un po' meno da qualche collega che magari ne invidiava gli scoop, o anche solo l'arte di essere al posto giusto nel momento giusto. Era, quello dei suoi tempi giovanili, un ciclismo diverso, nel quale corridori e giornalisti potevano ancora concedersi il lusso di un rapporto umano. A volte, perché no, fatto anche di scazzi.
Naturalmente alle spalle, per i suiveur più maligni era "Novella2000" per il gossip spinto, la sparat…