Post

Visualizzazione dei post da ottobre 19, 2017

Gli anni dell’ascensore 1974-1992

Immagine
http://www.ilfortitudino.it/gli-anni-dellascensore/

Sfortuna e retrocessioni
Terminato il ciclo del Barone e Beppe Lamberti, inizia un ventennio travagliato per la Fortitudo, fatto di momenti difficili alternati a grandi esaltazioni. Per il dopo­Schull viene ingaggiato il primo colored della storia biancoblu, Gill McGregor, un centro americano dalle buone referenze (è anche il primo giocatore a vestire la maglia della Effe ad aver già militato in NBA), ma che a causa di un infortunio ad un occhio subito in estate, è praticamente una talpa che non vede il canestro manco da cinque centimetri. Celeberrima rimane una sua prepotente schiacciata…sul parquet, che scatena la costernazione mista a risate tra i tifosi sugli spalti del palasport.

Per la prima volta la Fortitudo sarebbe retrocessa in serie B, ma viene ripescata e la dirigenza non vuole più correre rischi: viene addirittura ingaggiato come coach il Professor Aza Nikolic reduce dai trionfi varesini. In cabina di regia l’astro nasce…

The Hawk That Saved Pittsburgh

Immagine
https://the-cauldron.com/the-hawk-that-saved-pittsburgh-3e144767bdf7
Connie Hawkins once led his team to an electrifying league title — one that remains all but forgotten today, even in the City of Champions.
by BRIAN LUTZ The Cauldron, Jun 11, 2015
Picture the superstar: a 6'8 basketball magician, a towering forward and silky-smooth ball handler who is nearly unstoppable on the block. He’s an artist above the rim, too; the missing link in the evolution from Elgin Baylor to Julius Erving to Michael Jordan and beyond. He honed his game on the playgrounds of Brooklyn before capturing the Big Apple’s heart; to this day, he’s thought of by many as the second-best prep player New York City ever produced after Kareem Abdul-Jabbar.
Despite all that, when you see highlights of a career spent mostly in obscurity, the first thing you notice about Connie Hawkins is the way he used his giant hands. For him, palming the ball was his own singular art form, the showpiece among his unique arsenal of…