Post

Visualizzazione dei post da maggio 28, 2016

Nibali, il cavaliere di Sant'Anna

Immagine
Il cavaliere che ha fatto l’impresa. Vincenzo Nibali vince il suo secondo Giro d’Italia con un’altra azione da campione maturo, di classe, completo. Da corridore moderno e insieme antico: con e senza radiolina, che domina con cuore e cervello, gambe e astuzia, orgoglio e fantasia.
Prima dei due tapponi alpini, inseguiva Kruijswijk a 4’43”: tutto o quasi faceva pensare a un Giro per lui ormai perduto. Invece, su quel “quasi”, lo Squalo ha costruito uno dei successi più scintillanti della sua già leggenda da tripla corona: vincitore di Tour, Giro e Vuelta; come Merckx, Hinault, Gimondi, Anquetil, Contador con gli ultimi due agganciati con la doppietta rosa.
Nell’ultimo tappone alpino Nibali doveva recuperare 44 secondi a uno scalatore puro come Chaves nella Guillestre-Sant’Anna di Vinadio: 134 km, di cui sessanta in salita. In totale: 4100 metri di dislivello, con tre GPM duri – Vars, La Bonette, Lombarda – prima della durissima ascesa verso il santuario di Sant’Anna di Vinadio. 
Fino …