Post

Visualizzazione dei post da marzo 3, 2018

Scognamiglio: Visentini tradito, ma è cambiato il mondo

Immagine
di CHRISTIAN GIORDANO  © in esclusiva per RAINBOW SPORTS BOOKS  ©
Ciro Scognamiglio, inviato della Gazzetta dello Sport, napoletano ormai milanese ma solo d'adozione, è – nella migliore accezione – uno degli ultimi "cagnacci" da notizia. Sempre sul pezzo, nel momento e al posto giusti.  Per sua e nostra fortuna, alla bocca non ha però la bava dello sciacallo. Anzi: proprio l'intimità - che non sconfina in complicità - con corridori e addetti ai lavori ne fa uno dei giovani suiveur più rispettati nella carovana che segue le corse pro' in giro per il mondo.  Ciro, di cui non posso dirmi amico perché non ci frequentiamo ma col so di avere un ottimo rapporto, è consapevole che questo mestiere, per servirlo bene come si dovrebbe, non si può fare troppo a lungo da sopravvivere a se stessi. Per questo riabbraccerà non fuori tempo massimo l'amato mare. Nel frattempo racconta il ciclismo con competenza, misura e sensibilità e - fenomeno più unico che raro - senza mai pe…

Strade Bianche sotto due buone stelle

Immagine
di CHRISTIAN GIORDANO
Forse, è nata una stella; anzi: due. Tiesj Benoot della Lotto-Soudal ha vinto, con il piglio e la faccia e infangata à la Sean Kelly - la dodicesima edizione della Strade Bianche; ma la sorpresa – un po’ annunciata dalla presentazione iridata con Peter Sagan – è il podio, alla prima classica su strada, di Wout Van Aert, 23enne della Willems tricampione mondiale nel ciclocross e piazzato dietro nientemeno che Romain Bardet, secondo al Tour 2017.
Più che italiana è stata una classica del Nord, per spettacolo, freddo, pioggia, e sterrato diventato subito fango. Tanto fango.


Non a caso, a dominarla son stati due belgi classe ’94, il vincitore addirittura senza guanti e a braccia nude color magenta; e nella prova femminile, dietro l’olandese Anna van der Breggen, olimpionica a Rio2016, e la polacca Katarzyna Niewiadoma, bronzo mondiale a Richmond 2015, ha chiuso terza Elisa Longo Borghini, la più “fiamminga” delle italiane. 
La faccia di questa Strade Bianche, la cl…