Post

Visualizzazione dei post da luglio 2, 2016

Cav in giallo, Contador per terra: partenza coi botti

Immagine
Il Tour de France numero 103 è partito coi botti: al plurale.
La prima maglia gialla in carriera del redivivo Mark Cavendish, che a 31 anni mette in fila il Gotha dello sprint globale (Kittel, l'iridato Sagan e Greipel) centrando il 27esimo successo di tappa alla Grande Boucle.
Ma soprattutto il primo colpo di scena di un'edizione che promette di regalarne parecchi: la cadurta di Alberto Contador su un cordolo spartitraffico a neanche 80 km dal traguardo di Utah Beach, solenne omaggio quanto dovuto allo Sbarco in Normandia del 1944.
Col fido Matteo Tosatto, il Pistolero - aspettato e rispettato con fair play dal plotone - è rientrato dolorante in gruppo, che si è spezzato di nuovo ai meno 250 metri dal traguardo di Sainte-Marie-du-Mont.
La caduta non ha coinvolto i big, messi in fila dal Cannonball dell'Isola di Man.
Caratterino non sempre gestibile (chiedere a Sir Brailsford ai tempi del Team Sky), ma fuoriclasse purissimo, sente già aria di mondiale.
In tanti lo davano…

Tour Zerosedici, voglia di grandeur

Immagine
Centotreesima edizione del Tour de France, attesissimo - come sempre - per le storie che svilupperà e l'uno-due con Rio. Amaury, la società che questo kolossal l'organizza, panem et circenses, al solito ha preparato una sceneggiatura avvincente. Tre settimane all'insegna della grandeur e dei giganti della strada
di SIMONE BASSO, Il Giornale del Popolo
Basti pensare alla partenza da Mont Saint-Michel, l'isolotto della Normandia circondato dalle lune della marea, e l'arrivo della prima tappa in quel di Utah Beach. Laddove gli Alleati, settantadue anni fa, sbarcarono per liberare quelle terre dai nazifascisti. In tempi di Brexit, l'eutanasia del Regno Unito di oggi fa ancora più sensazione: su quelle spiagge ci sono ancora le impronte delle ossa dei militari inglesi.
Il Tour de France, in una realtà mediatica sempre più liquida e sfuggevole, impone invece una narrazione. Anche politica: non è questa la sede per sviluppare il tema, ma ASO si sta mangiando l'UC…