Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2016

Why Braga fans are known as 'Arsenalistas'

Immagine
A very 'Arsenal' looking Braga in 1979/80
http://www.arsenal.com/news/news-archive/braga-arsenal

13 Sep 2010

Arsenal and Braga have never met in a competitive match but the two sides have a greater connection than you might think. Indeed, when the Portuguese team arrives at Emirates Stadium for Wednesday's Champions League opener they will be entering the home of the club that left an indelible mark on their identity. Way back in 1921, Braga changed their original colours of two large green and white vertical stripes to red shirts and white shorts.

Why? Because their then-coach Jozef Szabo was so enamoured by Arsenal during a trip to Highbury that he decided to adopt the London club's colours. Such was the Gunners' influence on Szabo, Braga even renamed their youth team Arsenal do Braga. And ever since their club changed its colours, the Braga fans have been known as Arsenalistas.


Copyright 2016 The Arsenal Football Club plc. Permission to use quotations from this art…

KONYASPOR - Preview 2016-17

http://www.calcioturco.com/news/super-lig/al-via-la-super-lig-2016-17-guida-al-campionato-turco-11207.html

Posted on 18 agosto 2016 by Bruno Bottaro

KONYASPOR
OBIETTIVO: Alta classifica.
Confermare la scorsa annata sarebbe già un enorme successo, per i ragazzi di Kocaman. Più realisticamente, la parte alta della classifica può essere già un traguardo. Ah, e poi divertirsi in Europa. Quella è la parte più importante. Che la palla inizi a ruotare, meglio se seguendo il ritmo dei Dervisci in città.

LA STELLA: Ömer Ali Şahiner.  Non ha una vera stella il Konyaspor, che ha fondato le sue fortune su un gioco di squadra e sull’organizzazione. Ma se dobbiamo scegliere un interprete, che questo sia Şahiner: la sua mancata convocazione all’europeo ha sdegnato la città dei dervisci rotanti, che meritava almeno quell’attestato dopo una stagione fantastica e difficilmente ripetibile.

GIOCATORE DA SEGUIRE: Riad Bajić (1994).  22enne bosniaco, su di lui risiede il peso dell’attacco del Konyaspor. Una buo…

Real stellare, l'Olimpia torna sulla terra

Immagine
Neanche 48 ore dopo il KO al Pireo contro l'Olympiacos, che intanto andava a vincere a Vitoria contro il Baskonia ancora senza bargnani, Milano torna sulla terra. Le top four di eurolega viaggiano ancora troppo ad alta quota per questa Olimpia che però un cuore ce l'ha. 
Se n'è accorto anche il Forum da tutto esaurito contro un Real Madrid troppo completo e profondo per la squadra di coach Jasmin Repesa, che parte con l'ex capitano Alessandro Gentile in panchina e concede troppo in difesa, chiudendo sotto di undici all'intervallo.
In attacco Milano trova soluzioni e canestri, ma cede a rimbalzo e alla distanza, quando paradossalmente la stanchezza più doveva farsi sentire, riemerge con un parzialino che nel terzo quarto la riporta in partita. 
Questo Real però, trascinato da un Llull che dopo lo 0 su 18 da tre fra campionato e Eurolega si riaccende quanbdo piè serve, è tanta, troppa roba: cambi e piu opzioni in ogni ruolo e posizione per i ragazzi di coach Pablo L…

Aitor Gonzalez arrestato per rapina

Ciclismo: ex campione Aitor Gonzalez arrestato per rapina Vincitore Vuelta 2002 accusato di furto in negozio di telefonia
(ANSA) - ROMA, 27 OTT - Il vincitore della Vuelta di Spagna 2002, Aitor Gonzalez, è stato arrestato martedi' ad Alicante, non lontano da Valencia, per un presunto coinvolgimento nella rapina a un negozio di telefonia mobile. Lo scrive l'edizione online del quotidiano spagnolo AS oggi, dopo che si e' diffusa la notizia. L'ex corridore sostiene di non aver commesso alcun crimine. Gonzalez, secondo AS, è accusato di furto con scasso: e' stato trovato sul luogo del furto, accanto a una vetrina frantumata. L'ex atleta e' stato portato in una stazione di polizia, dove avrebbe spiegato che la rapina è stata messa a segno da una persona che si trovava con lui. Gonzalez era già noto alle forze dell'ordine, perché nel 2007 era stato arrestato per guida in stato di ebbrezza e dopo avere assunto cocaina. Nel 2008 era finito in manette per avere…

GROUP H - KONYASPOR

txt by WORLD SOCCER, October 2016

OVERVIEW
The Green-and-Whites are gearing themselves for their first-ever European odyssey. Home games take place at the recently constructed Torku Arena (42,276), which opened two years ago.

HONOURS
-

COACH
Fenerbahce icon Aykut Kocaman was the country’s top scorer three times and has been in charge since October 2014.

HOW THEY QUALIFIED
Third place last term was their best-ever finish and was an achievement largely built on a long unbeaten run in the new year. Qualified directly for the Europa League group phase.

TACTICS
Kocaman prefers a 4-2-3-1 with an intense, high pressing game and fast counterattacks on the flanks. They love nothing more than a physical, full-blooded battle.

KEY PLAYERS
Keeper Serkan Kirintili, who was unfortunate not to be included in Turkey’s Euro 2016 squad.Scottish left-back Barry Douglas, joined from Polish side Lech Poznan.Riad Bajic, Bosnian striker of much promise.

GROUP H - SPORTING BRAGA

txt by WORLD SOCCER, October 2016

OVERVIEW
The Arsenalistas have made steady progress in recent years, with European football now a regular attraction at the Estadio Municipal (30,000), which is chiselled out of a local quarry.

HONOURS
2 Portugal Cups

COACH
Jose Peseiro, temporarily in charge at Porto last season, succeeded Paulo Fonseca this summer.

HOW THEY QUALIFIED
Last season Braga won the Portuguese Cup – 50 years after their first triumph – to gain direct entry to the group stage.

TACTICS
Braga lost defender Willy Boly (Porto) and forward Rafa Silva (Benfica) to late transfer deals but Peseiro is likely to stick with his preferred 4-2-3-1 formation.

KEY PLAYERS
Ricardo Horta, highly regarded forward on loan from Malaga.Centre-back Andre PintoAlan, veteran Brazilian winger and club captain.

Deni Milošević

Immagine
Deni Milošević (born 9 March 1995) is a Bosnian professional footballer who plays as an attacking midfielder for Turkish club Konyaspor.

Club career
He made his professional debut on 12 December 2013 in a UEFA Europa League game against Swedish side Elfsborg. He replaced Frédéric Bulot after 77 minutes.
On 9 June 2016, Milošević signed a three-year contract with the Turkish club Konyaspor.
International career
Deni played for Belgium in youth categories, but switched to Bosnia and Herzegovina after he received a call from his parent's homeland. He stated that it was difficult to play for another country if your last name ended in "ić".
He debuted for the Bosnia and Herzegovina under-21 team in a game against Kazakhstan, in Sarajevo, on 2 September 2015.
In February 2016, he was voted 2015 Bosnian young player of the year, by Bosnian sports journalists.
Personal life
Deni is the son of a famous Bosnian ex-footballer, Cvijan Milošević.


Date of birth9 March 1995 (age 21)…

Ali Çamdalı

Immagine
Ali Çamdalı (born 22 February 1984) is a German footballer of Turkish descent who plays as a midfielder for Konyaspor.
He is Regarded As one of the Best youngest Turkish footballers. He was chosen as the 89th best youngest footballer of the year in 2008

Place of birth

Duisburg, GermanyPlaying positionDefensive midfielder
Centre backClub information Current team KonyasporNumber8Youth career
GSG Duisburg
Duisburger FV 08
Borussia M'gladbachSenior career*YearsTeamApps(Gls)2003–2005Borussia M'gladbach II59(7)2005–2007Bayer Leverkusen II60(0)2007–2008Kayserispor8(2)2008–2009Kayseri Erciyesspor31(5)2009–2010Kocaelispor10(0)2010–2013Orduspor90(8)2013–Konyaspor91(6)

Ömer Ali Şahiner

Immagine
Ömer Ali Şahiner (born 2 January 1992) is a Turkish footballer who plays as a midfielder for Konyaspor. He made his Süper Lig debut on 17 August 2013 against Fenerbahçe.

Youth Career
Şahiner started his debut youth career at Karabağ GB. He moved to Konya Şekerspor in 2007. While he was playing in youth team, first team scouts suggested him to first team.
Konya Şekerspor

On 26 November 2015, Şahiner made his debut against Mersin İdman Yurdu. Also he became a starter in his first season.

Konyaspor
In 2012-13 season, Şahiner contracted with Konyaspor for 5 years.


2 January 1992 (age 24)Place of birthYenişehir, TurkeyHeight1.75 m (5 ft 9 in)Playing positionRight back / Right wingClub information Current team KonyasporNumber7Youth career2004-2007Karabağ GB2007–2008Konya ŞekersporSenior career*YearsTeamApps(Gls)2008–2012Konya Şekerspor82(19)2012–Konyaspor118(9)National team‡2008Turkey U162(0)2009Turkey U1710(2)2009-2010Turkey U1811(5)2010-2011Turkey U1913(3)2013–2014Turkey U217(2)2015–Turkey B1(…

La piccola Entella sogna in grande

Immagine
Da Latina a Cesena, sei mesi dopo l'ultima vittoria esterna l'Entella torna a vincere in trasferta. E si ritrova lassù, seconda con il neopromosso Cittadella, altra rivelazione d'inizio stagione, e il neoretrocesso Carpi. Per la serie la provincia al potere, libera di sognare.
Fino allo scorso 21 maggio, la Virtus - da ripescata - accarezzò il sogno playoff, poi spezzato dalla sconfitta contro il già promosso Crotone. Quest'anno, con il nuovo corso del grande normalizzatore Roberto Breda -. un capolavoro, in campo e fuori, la salvezza la scorsa stagione a Terni - rieccola lassù, la piccola grande realtà del presidente Antonio Gozzi.
In estate si parlava addirittura di Cassano, e uno così a Chiavari chissà se si vedrà mai, e invece il trequartista capace la differenza Breda se lì è ricostruiti in casa. Tremolada prima ed Ammari poi, non a caso protagonisti della staffetta vincente a Cesena. Tremolada è arrivato dall'Arezzo, Ammari - l'ultimo giorno di mercato, …

Mimmo & Benny, ragazzi di (Reggio) Calabria

Immagine
Dieci giorni di differenza separano due ragazzi di Calabria. Di Reggio Calabria. Benito (per tutti Benny) Carbone, da Bagnara Calabra è nato il 14 agosto del '71 e dal giorno del suo 45esimo compleanno allena la Ternana dopo l'esonero di Christian Panucci. Domenico (per tutti Mimmo) Toscano è un suo concittadino di dieci giorni più anziano e la Ternana l'ha allenata due volte, dal 2011 al 2013 e poi, per appena sei partite, da luglio a settembre 2015.

I due si conoscono. Anzi, per sei mesi - nel 1991 - sono stati anche compagni di squadra: alla Reggina, e dove sennò? Toscano ne è tifosissimo e ci è cresciuto. Carbone ci ha passato una stagione dopo le giovanili nel Torino.

Sul sintetico del Partenio-Lombardi, per l'11esima di B, si affrontano con gli stessi punti (nove) e la stessa posizione in classifica: penultimi con il Latina. A neanche un quarto di campionato, è già sfida-salvezza. E Toscano, che a Terni con la promozione in B del 2012 è diventato grande, deve vinc…

LA VITA È UN PALLONE ROTONDO (N. 5)

Immagine
https://www.facebook.com/michele.d.virgilio.9/posts/10207941276863051
di MICHELE DI VIRGILIO, 24 ottobre 2016
LA VITA È UN PALLONE ROTONDO Quinta puntata. Dedicata ad Andrés Iniesta, il mio Joaquín Sorolla: fuerza, Don Andrés, fuerza.
1. «Vidal è un altro giocatore che ha un tempismo unico nell'arrivare davanti alla porta». Le telecronache al brodino, Fabio Capello e l’analisi (il)logica.
2. A chiosa della presentazione di Milan-Juventus, Fabio Caressa si rivolge al suo sparring partner, Beppe «Yes Man» Bergomi, e si riscopre Erofilo da Calcedonia: «Hai visto Montella? C’ha (sic, ndr) l’occhio fisso delle partite importanti». Sipario (e chiamate la neuro).
3. La partita di San Siro ci ha detto due cose. Primo: in quanto a livello di orexina, è stata un’ode simposiale alla narcolessia, superando di gran lunga Doncaster Rovers-Fleetwood Town, il match più noioso del secolo. Secondo: il tecnico juventino ha lo stesso tic nervoso (al collo) di Adriano Galliani.
3. È il minuto trentuno…

Netzer, L'altro Kaiser

Immagine
http://www.ilsensodelgol.it/primo-piano/l-altro-kaiser-226
Günter Netzer è stato uno dei più grandi calciatori tedeschi di sempre. Ma pochi lo sanno, perché stava troppo sulle balle a Beckenbauer. Il che non gli ha impedito di diventare comunque un gigante.
di Fabio Corti Twitter: @fabiocorti84

Per rimettersi in piedi il magazziniere fa perno col palmo sulla coscia, sbuffa e sibila un'imprecazione in dialetto kölsch. Non è la sciatica. Soffia via la polvere dalle mani e parla, senza levar lo sguardo da terra:
- Sarebbe stato più facile se avesse avuto due piedi sinistri, Hennes.
Hennes non dice niente, fa solo un tiro di sigaretta.
"Hennes" è Hans Weisweiler, allena il Borussia Mönchengladbach ed è pronto a consegnare alla storia del calcio europeo una delle squadre più belle e vincenti. L’ultimo tassello è appena andato a posto: trovare un paio di scarpe per il tizio dai due piedi sinistri, l'uomo indispensabile affinché tutto si compia.
Günter Netzer ancora non lo s…

Parigi 1998: Francia-Brasile 3-0 - La rivoluzione franco-algerina

di CHRISTIAN GIORDANO
Rryszard Kapuściński, uno dei massimi corrispondenti di guerra del XX secolo, nel suo Sha-in-shah scrive che «i libri sulle rivoluzioni iniziano di solito con un capitolo dedicato alla corruzione del potere in declino, alle miserie e alla sofferenza del popolo. Dovrebbero invece cominciare con un capitolo di analisi psicologica dove si spieghi il processo per il quale un uomo oppresso e in preda al terrore vince improvvisamente i propri timori e smette di avere paura».
"E magari diventa un campione", Kapuściński avrebbe potuto aggiungere se anziché di uomini oppressi si fosse occupato di calcio. E in particolare di Zinédine Zidane, ex prezioso ninnolo del Bordeaux che alla Juve prima e in nazionale poi ha saputo trasformarsi in imprescindibile uomo-squadra fino ad assurgere a fuoriclasse senza tempo.
«È un processo insolito – continua Kapuściński – che talvolta si compie in un attimo come per una specie di choc liberatorio: l’uomo si sbarazza della pau…

Yokohama 2002: Brasile-Germania 2-0 - Kahn bastonato

di CHRISTIAN GIORDANO
Corsi e ricorsi della storia. Cile ’62: come dimenticare le polemiche sollevate dall’arbitraggio dell’inglese aston nel match (in ogni senso) fra i padroni di casa e l’Italia, o le papere commesse in finale dal miglior portiere del torneo, il cecoslovacco Schrojf? Quarant’anni dopo, mezza italia (quella incompetente, o in malafede) insorge contro l’arbitro Byron Moreno, reo di aver favorito la squadra del paese co-organizzatore, la Corea del Sud, e il miglior portiere della competizione a sbagliare la finale è oliver Kahn, simbolo della Germania «meno favorita» mai vista a un Mondiale. Incredibile ma vero, almeno quanto il fatto che in 17 edizioni della Coppa del Mondo non si sia mai assistito a un Brasile-Germania. Il primo, manco a dirlo, vale il titolo. La Seleção in campo all’International Stadium di yokohama è quella corretta in corsa da Scolari nella formazione-tipo. in tempi di turn-over esasperato (e obbligato), una notizia. Per laurearsi pentacampeão, i…