Post

Visualizzazione dei post da settembre 9, 2019

Fulgsang, dica 34!

Immagine
Trentaquattro anni e vittorie in carriera, per Jakob Fulgsang: il danese nato a Ginevra va forte da inizio 2019 ma una tappa in un grande giro non l'aveva vinta mai. Ci è riuscito alla 16-esima di una Vuelta sempre più di Primož Roglič.
Primo a Liegi e al Delfinato; secondo alla Strade Bianche e alla Freccia, terzo alla Tirreno (con una tappa) e all'Amstel: altro che gregarione, questo ha la stoffa del capitano e forse all'Astana se ne sono accorti tardi.
Non però Brunone Cenghialta, che dall'ammiraglia ha mosso i suoi con strategia perfetta. Ai -4 Fuglsang se n'è andato con Brambilla, quinto all'arrivo e primo italiano anche nella generale, anche se a oltre un'ora dalla maglia roja. E poi da solo, su su fino ai 1690 mt dell'Alto de la Cubilla, terzo GPM dei 144,4 km di giornata. Dietro di lui Teo Geoghegan Hart, terzo il giorno prima, e l'altro Astana, Luis León Sánchez.
Tra i big, saltato Nairo Quintana, bravo e furbo Roglič a non rispondere a Mi…

IN FUGA DAGLI SCERIFFI - Oltre Moser e Saronni: il ciclismo negli anni Ottanta

Immagine
https://www.amazon.it/dp/B07XP5GBYG

Simone Basso IN FUGA DAGLI SCERIFFI Oltre Moser e Saronni: il ciclismo negli anni Ottanta Prefazione di Herbie Sykes
Rainbow Sports Books, 176 pagine kindle, amazon.it – € 9,90
formato: cm 15,6 x 23,39 (6”14 x 9”21) - NON illustrato brossura - € 23,00
Contacts: rainbowsports@gmail.com @rainbowsportsbooks facebook.com/rainbowsportsbooks/ https://sportspoetssociety.blogspot.it instagram.com/rainbowsportsbooks/
SINOSSI In fuga dagli Sceriffi nasce, nel 2011, da una proposta di Stefano Olivari, editore e fondatore di Indiscreto. Scritto in due mesi, e modificato ad libitum, era già là negli anni Ottanta: bastava viverli senza la prospettiva di un posto comodo, ben remunerato, o da tifoso strillone e fanatico. Il libro ricostruisce la storia di quel ciclismo, in un decennio-chiave per l’evoluzione (globale e tecnica) della disciplina, dall’idea stessa dello sport della bici. Fa dunque a meno della nostalgia da quattro soldi, di un certo immaginario di ca…