Post

Visualizzazione dei post da febbraio 15, 2018

Storia di Guido Reybrouck

http://www.museociclismo.it/content/articoli/977-Storia+di+Guido+Reybrouck/index.html
Dotato di un guizzo bruciante si è assicurato un buon numero di vittorie senza essere, peraltro, un cacciatore di traguardi a ogni costo: si accontentava di aggiungere annualmente qualcosa al palmarès ...e pensava alla stagione successiva. 
Le sue migliori prodezze le ha concretizzate nella a lui congeniale Parigi-Tours che vinse tre volte negli anni pari: '64 e '66 davanti a Rik Van Looy e '68 su Walter Godefroot e Leman. Una curiosa e significativa coincidenza: uno zio, Gustave Danneels, aveva già vinto per tre volte la stessa classica francese. 
Apprezzato per il suo spunto, ha corso anche in Italia con la Faema e la Salvarani. Ha messo a segno successi di rilievo come il campionato belga '66, l'Amstel Gold Race '69, per due volte il Giro della Nuova Francia (Canada) '71-72 e il Campionato di Zurigo '64. 
Nutritissimo il bottino nelle tappe dei Giri: 6 in Francia, 3…

Guido Reybrouck

http://www.museociclismo.it/content/articoli/5539-Guido+Reybrouck/index.html
Nato a Brugge il 25 dicembre 1941, professionista dal 1964 al 1973. 
Gran bel velocista, soprattutto bravo negli ultimi settanta metri (allora i treni non esistevano, e al massimo avevi un compagno che doveva farti strada e lanciarti la volata) dove sapeva sempre trovare lo spiraglio per giocare il suo guizzo. 
Era pure uno dei pochi velocisti che si rendeva utile alla squadra e per questo bagnò più di una volta le sue polveri. La Parigi-Tours, la sua classica per eccellenza, la sentiva come zio Gustave Danneels, riuscendo a battere i migliori con sprint regali. Basti citare che nei primi due suoi successi (1964 e '66) superò Rik Van Looy, e, nel terzo, l'accoppiata letale, formata da Walter Godefroot e Eric Leman. 
Gli altri successi fra le sue circa sessanta vittorie: il Campionato di Zurigo '64, il Campionato Belga '66, l'Amstel Gold Race '69 e due Giri della Nuova Francia (Canada) …

Zomegnan: «Il Tour crea il campione, il campione crea il Giro»

Immagine
di CHRISTIAN GIORDANO ©
in esclusiva per RAINBOW SPORTS BOOKS ©


Canturino di Desio, classe 1955, Angelo Zomegnan non è uno che, nell’ambiente e fuori, s’è fatto tanti amici, né se li è mai cercati: «Io ho amica la mia coscienza, ed è sufficiente».  Dopo avermi guidato al telefono col suo caldo vocione baritonale, mi riceve nell’ufficio della sua agenzia due giorni dopo essere diventato – anche ufficialmente – Senior Advisor della Pallacanestro Cantù. Una consulenza cominciata già da novembre, progetto condiviso con Irina Gerasimenko, Andrea Mauri e Marco Sodini, e già finita il 27 luglio, come si legge nell’intervista rilasciata al quotidiano La Provincia di Como: «Non vedo un organigramma e neppure un business plan, quindi allo stato attuale io mi considero un “estraneo”».  E ormai da estraneo Zomegnan mi racconta trent’anni di ciclismo italiano, prima seguito per una vita in Gazzetta (da inviato fino a vicedirettore vicario) e poi organizzato, per sette anni, come responsabile di RCS …

Frans Verbeeck, un campione tra i super degli anni '70

http://www.museociclismo.it/content/articoli/5623-Frans+Verbeeck%2C+un+campione+tra+i+super+degli+anni+%2770/index.html
Frans Verbeeck nasce a Wilsele (Belgio) il 13 giugno 1941. 
Tra i dilettanti Jos Wouters, in due stagioni, lo relega per ben 39 volte al secondo posto. 
Passa professionista il 5 luglio 1963 (1 vittoria), nel '64 (3 vittorie) è 10° nel G.P. di Francoforte (Henninger Turm). 
Nel 1965 (3 vittorie) si piazza 2° nel G.P. di Francoforte, 9° nella Parigi-Bruxelles e 15° nella Vuelta di Spagna (rimarrà il suo miglior risultato in un grande Giro). 
Nel '66 solo un successo e al termine della stagione si ritira. Dopo oltre un anno lontano dalle gare, crede ancora nel ciclismo e ci crede anche l'Okay-Diamant che gli offre la possibilità di tornare. 
Il 3 maggio 1968, a 27 anni, ripassa professionista e l'anno successivo vince 7 corse tra le quali il G.P. Jef Scherens e il campionato del Brabante; si piazza 8° sia nel Giro delle Fiandre che nella Liegi-Bastogne-…