Post

Visualizzazione dei post da luglio 4, 2017

L'innocenza perduta di Peter Pan Sagan

Immagine
Peter Sagan espulso dal Tour de France. Non un campione qualsiasi, ma il due volte campione del mondo. Il corridore più forte nelle corse di un giorno, quello più istrionico e popolare. Per carisma, l'unico degno successore di "Super" Mario Cipollini. 
È la dura legge del Tour: si chiama Grande Boucle, la grande corsa, perché è il Tour che fa grandi i corridori, non i corridori il Tour. 
In passato però sono starti mandati a casa Steels nel '97, Blijlevens nel 2000, Renshaw (l'ultimo vagone dello stesso Cavendish) nel 2010, e Sepulveda nel 2015. Nomi anche importanti ma mai superstar come l'ex Peter Pan del ciclismo globale e globalizzato.
Un'icona dei social, un attore mancato - da Grease agli spot-remake di Rocky IV e Il gladiatore - ma soprattutto un campionissimo capace di segnare un'epoca come i grandissimi del passato. Un talento sconfinato, capace di vincere e perdere dappertutto, e di dissertare d'immigrazione appena vinto un oro europeo …

Sagan e Cav a casa, vince Demare

Immagine
Tutto in 24 in ore, il meglio e il peggio di Peter Sagan: dal numero da alieno di Longwy (col salto di pedale) all'umanissimo gomito largo di Vittel che ha mandato sulle transenne Mark Cavendish, un altro bucaniere delle volate a sua volta impunito nel 2013 e finito a terra, al via del Tour 2014, nella tappa di Harrogate, davanti alla finestra di mamma Adel(e). 
Apriti cielo. La volata la vinceva Arnaud Demare, che a sua volta aveva tagliato fuori più Aleksander Kristoff, secondo, che André Greipel.
Per il francesino dagli occhi azzurro mare è il primo successo alla Grande Boucle, il secondo più importante della carriera dopo la Sanremo 2016, vinta, sussurrano i maligni, rientrando dalla caduta grazie alla scia delle ammiraglie.
Sagan, sul rettilineo troppo stretto di Vittel (ma il Comune dell'omonima sorgente termale è da dieci anni nel cosiddetto "top club" dei cinque mega sponsor del Tour), aveva chiuso secondo. 
Penalizzato di 30 secondi e retrocesso al 15esimo …