Post

Visualizzazione dei post da aprile 24, 2016

A Poels una Liegi da tregenda

Immagine
Ben Swift secondo alla Sanremo. Ian Stannard terzo alla Roubaix. Insomma, la prima classica-Monumento del Team Sky era nell'aria. Nemmeno Stannard però poteva immaginare che a vincerla - per di più in una Liegi da tregenda - fosse Wouters Poels, per tutti Wout. Non solo il più simpatico in gruppo, ma anche il più forte nella 102esima Doyenne, la classica più antica e, quest'anno, persino più dura della Roubaix. 
Non soltanto per freddo, pioggia e neve paragonabili alla leggendaria edizione del 1980 vinta da Bernard Hinault, l'ultima di un francese. Ma anche per la Côte de la Rue Naniot, introdotta per speziare con un'ascesa in pavé gli ultimi tre di quei durissimi 253 km, poi ridotti di 5 in un tratto reso troppo pericoloso dal maltempo. Sullo strappetto spezzagambe di 600 metri al 10.5 percento di pendenza media e 15% di massima, Poels ha messo in fila lo svizzero Albasini e il portoghese ex iridato Rui Costa, ultimo del quartetto in fuga lo spagnolo Sanchez.

Primo d…