Post

Visualizzazione dei post da settembre 27, 2016

Il big bang di "Big Sam" Allardyce

Immagine
https://www.amazon.it/Football-Portraits-Ritratti-calcio-vita-ebook/dp/B01KI1XRO6/ref=sr_1_19?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1475021851&sr=1-19

di CHRISTIAN GIORDANO, Sky Sport 24

«The bigger they are, the harder they fall». Big Sam Allardyce, grande, grosso (e famoso) lo è sempre stato, e la sua caduta non poteva essere più fragorosa. “Dimissionato” sessantasette giorni e una partita (vinta 1-0 in Slovacchia) dopo il biennale firmato per ricostruire l’Inghilterra sulle macerie dell’Europeo. Ma cosa mai avrà combinato, il successore di Roy Hodgson? 
Come il predecessore Sven-Göran Eriksson, è cascato nel trappolone tesogli sotto copertura. Nell’inchiesta durata dieci mesi, fingendosi agenti per il Medio Oriente con interessi a Singapore e Hong Kong, due giornalisti del Daily Telegraph hanno filmato Allardyce che spiegava loro come, oliando con 400 mila sterline, aggirare le norme federali inglesi sulle terze proprietà del cartellino dei giocatori. Dal 2008, la Football Associa…

MAESTRI DI CALCIO - "Big Mal" Allison, il manager playboy

Immagine
https://www.amazon.it/Maestri-calcio-allenatori-stranieri-Portraits-ebook/dp/B01ARVU5JC

«C'è tanto duro lavoro dentro questa sconfitta» - Malcolm Allison
di CHRISTIAN GIORDANO
Uno showman in panchina, e che showman. Lussuoso e lussurioso, è stato l'epitome del football man dei Seventies. Gli altri, specie i successori, potevano al massimo cercare di emularlo. Senza riuscirvi.
Immediatamente riconoscibile per il montone a doppiopetto, il borsalino (il fedora d'oltremanica) calcato sul davanti come a nascondersi dentro la nuova di fumo che usciva dall'immancabile sigaro, la mascella squadrata da duro del cinema. Aveva tutto per non passare inosservato, perché Malcolm Allison è stato l'archetipo del playboy manager. 
Solo in una cosa è stato uno dei tanti, un infortunio che ne ha accorciato la carriera di discreto centr'half di Charlton Athletic, West Ham United (soprattutto) e Romford. Nel suo caso, però, anche quello non poteva essere un banale incidente di gioco…