Post

Visualizzazione dei post da marzo 27, 2020

IN FUGA DAGLI SCERIFFI: Planckaert e Bauer alla Roubaix '90

Immagine
I prodromi dell’imminente trasformazione crebbero nel ventre degli Ottanta ed esplosero fragorosi già nel 1990. Dopo la Roubaix strappata al canadese Steve Bauer, il belga Eddy Planckaert spese parole di meraviglia per una grande medicina con un piccolo nome.
Simone Basso
IN FUGA DAGLI SCERIFFI
Rainbow Sports Books

https://www.amazon.it/FUGA-DAGLI-SCERIFFI-Saronni-ciclismo/dp/1087075408/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid&sr

La legione straniera

Immagine
di Chris Sidwells - Le maglie leggendarie del ciclismo

La “legione straniera” era il nome che un giornalista australiano, Rupert Guinness, utilizzò per il gruppo di britannici, australiani e irlandesi che passarono dalla squadra dilettanti della ACBB-Peugeot alla squadra professionistica della Peugeot.
Il primo fu Graham Jones, di Manchester, nel 1979, seguito nel 1980 dallo scozzese Robert Millar dall’australiano Phil Anderson. 
L’irlandese Stephen Roche fu ingaggiato dalla Peugeot-Esso-Michelin nel 1981 e vinse subito la Parigi-Nizza.
Nel 1982 la squadra cambiò il logo Esso con quello della Shell. 
Un altro britannico, Sean Yates, si aggregò nel 1982, seguito da un altro australiano, Allan Peiper, nel 1983.
Fu l’anno in cui Phil Anderson divenne il primo australiano a vincere una classica, la Amstel Gold Race. 
Robert Millar vinse tappe di montagna al Tour de France del 1983 e 1984, anno in cui conquistò anche la classifica degli scalatori e si piazzò quarto nella generale.
Gli in…