Post

Visualizzazione dei post da ottobre 19, 2019

LOST SOULS - Paul (Pabs) Robertson

Immagine
https://www.amazon.it/Lost-Souls-Storie-basket-strada/dp/8896184274

di Christian Giordano
LOST SOULS: Storie e miti del basket di strada
Niente a che vedere con la canzone di Francesco De Gregori (che, per inciso, parla di un emigrato spagnolo morto sul lavoro in Svizzera, senza riferimenti a esuli politici o, tantomeno, a Neruda).

Il Pablo sempre vivo, o meglio il mito che gli sopravvive, è Paul (Pabs) Robertson, estroversa guardia afroamericano che negli anni Sessanta, nella minuscola DeWitt Clinton High School e poi al Rucker Tournament, dispensava più assist che sorrisi. E tanta pressione difensiva da zittire folle di spettatori urlanti e dominare partite spesso senza segnare.

«Pablo era così, tutto difesa e passaggi – dice il pari ruolo e contemporaneo Richard “Pee Wee” Kirland, signore e signorotto di Harlem che sui campetti e nelle strade batteva vie opposte – Un sacco di gente non riusciva a batterlo palla in mano, perché lui ti feriva a morte».
Nato nel Bronx nel 1943, è così…