Post

Visualizzazione dei post da novembre 25, 2016

"Goat" Manigault - Il Re è morto, evviva il Re

Immagine
https://www.amazon.it/Earl-Manigault-Greatest-Basketball-Portraits-ebook/dp/B01C3FJNGG

di CHRISTIAN GIORDANO
«Sono un uomo ricco. Basta guardare le mie braccia. Tutti i miei soldi li ho nelle vene».
È finito sul New York Times, e non poteva che finirci da quel re che è sempre stato. Re del quartiere, dell’eroina, del playground. Nell’edizione di venerdì 16 giugno 1989, esce un articolo intitolato «A Fallen King Revisits His Realm». Il re caduto rivisita il suo regno. 
«Se non centri bene la vena, il braccio si gonfia. Noi li chiamiamo “misses”». Perse. Come le palle in campo, come le occasioni di una vita che non si poteva rimettere in piedi.
Il weekend precedente Earl “The Goat” Manigault, «il più talentuoso atleta dei playground newyorchesi a non avercela mai fatta nella NBA», era tornato a casa. Notare la sottigliezza: atleta, non giocatore. E fa tutta la differenza del mondo.
All’epoca, Manigault viveva sotto la soglia di povertà a Charleston, South Carolina. E in quell’occasione …