Post

Visualizzazione dei post da novembre 19, 2014

Giampaolo, c'è chi dice no

Quando dice no, è no. Indietro non si torna. Costi quel che costi. Foss'anche 700 mila euro l'anno. Perché «l'orgoglio e la dignità non hanno prezzo». Lo scrisse via-fax lui stesso al suo legale Piero Olla ai tempi del Cagliari. Era il 19 dicembre 2007. Il presidente Massimo Cellino aveva licenziato Nedo Sonetti e aveva richiamato Marco Giampaolo. Come l'anno prima, dopo l'allontanamento di Franco Colomba. Giampaolo, però, la seconda volta disse no.  Cellino aveva deciso il primo esonero di Giampaolo il 17 dicembre 2006, all'indomani della sconfitta con l'Udinese. E lo aveva definito "una decisione più politica che tecnica". Tempo due mesi, e Cellino lo richiamò: Giampaolo tornò, e conquistò la salvezza a una giornata dalla fine del campionato.

Al Brescia, ha detto stop il giorno dopo la sconfitta in casa, 1-2 sabato col Crotone. Domenica mattina non ha diretto l'allenamento, e da allora è irreperibile. Cellulare staccato, e che Gino Corioni …