Post

Visualizzazione dei post da ottobre 12, 2019

2000 E UNO, SOLO AL COMANDO: L’ODISSEA DI REMCO EVENEPOEL

Immagine
https://www.sport-e-cultura.com/2019/10/11/2000-e-uno-solo-al-comando-lodissea-sotto-lo-sguardo-di-tutti-di-remco-evenepoel/
di SIMONE BASSO, 11 ottobre 2019
Sabato 4 agosto 2019, sei giorni dopo l’incoronazione di un colombiano di ventidue anni (il più giovane dell’èra moderna) sui Campi Elisi, Egan Bernal, si corre una classica del circuito World Tour. San Sebastián , che dagli anni Ottanta – dall’89 nell’allora Coppa del Mondo – segue la Grande Boucle, è un su e giù feroce per i monti baschi prima dell’arrivo in spiaggia. La Movistar dell’eterno Alejandro Valverde guida il forcing, in attesa dell’ultimo gipiemme, e le telecamere cercano – con un senso dello spettacolo, della sceneggiatura, che sa di predestinazione – Remco Evenepoel.
Il belga si era staccato, la salita precedente, e rientra, con le borracce nella maglietta (da sporgere ai suoi, rimasti nel plotoncino di testa). Il classe 2000, sul falsopiano che precede Murgil Tontorra segue l’allungo di Toms Skujins, cogliendo – a…

Il Lombardia 2019

Immagine
di Luca Gialanella La Gazzetta dello Sport
Sono i 70 chilometri finali più belli del ciclismo mondiale. 
Sali sul Ghisallo e in cima trovi la Chiesetta della Madonna protettrice dei ciclisti, i tre busti in bronzo di Coppi, Bartali e Magni, e il Museo del ciclismo voluto proprio da Fiorenzo Magni. 
Sullo sfondo, le Grigne, aspre, e il lago di Como. 
Poi arriva il Muro di Sormano, un’erta che guarda al cielo con quelle punte al 25% e una strada strettissima dove i tifosi condivi - dono il respiro dei corridori. 
La picchiata verso Nesso è una palestra, lunga 13 km, per aspiranti campioni. 
E infine il Civiglio, una lama che fa male in salita e soprattutto in discesa. Mettiamo tutto insieme e scopriamo il finale del Giro di Lombardia numero 113, la Classica delle Foglie Morte (prima edizione 1905) che tra i cinque Monumenti è preceduta nel mondo soltanto dalla Parigi-Roubaix (117). 
In questa edizione ritorna il finale classico con l’ultimo trampolino di San Fermo della Battaglia, dove …

LOST SOULS - Ron "Terminator” Mathias

Immagine
https://www.amazon.it/Lost-Souls-Storie-basket-strada/dp/8896184274

di Christian Giordano
LOST SOULS: Storie e miti del basket di strada
Ha più trofei EBC lui che MJ anelli (6). Detto molto se non tutto. A una partita al Rucker, si presenta all’intervallo con i suoi sotto di 30 contro una formazione che schiera quattro pick del Draft NBA, tra i quali il 2.22 Rik Smits (seconda scelta nel 1988, da Marist College agli Indiana Pacers) e lo specialista difensivo Sean “Kid” Couch (chiamato dai Pacers l’anno prima col numero 60, 14° del terzo giro, da Columbia University). “Term” ne sforna 44, con la ciliegina di una memorabile affondata su The Dunkin’ Dutchman, l’olandese schiacciante. La scena Couch ce l’ha ancora bene impressa nella mente: «Ron decollò dalla lunetta e schiacciò su Rik e sulla nostra ala, un 2.04!». A quel punto diventa insignificante il dettaglio che a vincere, di due, fu la squadra delle “vittime”.
Dopo Joe Hammond, Ronald (Ron) Mathias (una t, secondo la versione più a…