Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2012

Ferrari il santone - Quando lo sport non conosce etica

http://archiviostorico.gazzetta.it/2012/agosto/09/Ferrari_santone_Quando_sport_non_ga_10_120809001.shtml
Test, laboratori viaggianti, grandi risultati. Così tanti campioni si mettono in fila da lui. Assistente di Conconi a Ferrara, negli anni Ottanta collaborò con molte federazioni. La sua idea: doping è ciò che si trova ai controlli, tutto il resto può essere preso
Gazzetta dello Sport,  9 agosto 2012
DAL NOSTRO INVIATO MARCO PASTONESI
LONDRA - Scienziato, stregone. Medico, allenatore. Ricercato, vigilato, indagato. Mito, «Testarossa», «Number one». «Wanted». Michele Ferrari, nato il 26 marzo 1953 - 59 anni fa - a Ferrara. Laureato all'Università di Ferrara in Medicina e Chirurgia, nel 1978, con una tesi sulla valutazione della soglia anaerobica nella corsa. E specializzato all'Università di Roma, in Medicina dello sport, nel 1981. Ma già collaboratore della Federazione italiana di atletica leggera, dal 1977 al 1980, poi di quella di biathlon, dal 1980 al 1983, quindi nel cic…

Rudisha, e i più grandi Ottocento della storia

Immagine
1'40" e 91.

Non c'è stato solo l'uomo-leggenda Usain Bolt nella magica notte londinese. C'è stato anche David Rudisha, il primo uomo a rompere il muro del minuto e quarantuno sugli Ottocento. 
E quell'uomo non poteva che essere keniano, anche se con la fortuna di essere figlio d'arte. Suo padre Daniel a Messico '68 vinse la staffetta 4x400. Il figlio, a Londra 2012, la correrà in omaggio al papà.
Ma la sua specialità è il "doppio giro della morte". 
Il primato del mondo, 1'41"01, era già suo. Lo aveva fatto segnare al meeting di Rieti nel 2010. L'anno scorso ha dominato al mondiale sudcoreano di Daegu, la sera del 9 agosto 2012 s'è divorato - da lepre di se stesso - i più grandi ottocento della storia: 49"28 nel primo giro, addirittura 51"63 nel secondo. Con l'evidente sensazione che quasi ne avesse ancora.
Runner di regale eleganza, falcata impossibile per tutti, Rudisha è l'evoluzione della specie dei gr…

Pulnikov, il solista sulla salita più dura

Immagine
https://www.giornaledibrescia.it/sport/pulnikov-il-solista-sulla-salita-più-dura-1.1308574

di EMANUELE GELSI Il Giornale di Brescia, 7 agosto 2012
Si può anche dire addio. Chiudersi la porta dietro le spalle e cambiare del tutto orizzonte per costruirsi nuove certezze. Ma, si sa, di notte alcune difese vengono meno. 
Così a Vladimir Pulnikov, a 13 anni dal taglio netto col mondo del ciclismo, capita di sognare. «Devo prepararmi per una corsa - racconta -. Il giorno si avvicina e io non mi sono allenato bene». Poi magari il corridore, meglio l'ex corridore ucraìno, apre di colpo gli occhi e si rassicura pensando che l'ultima volta che si è seduto su un sellino è stato per andare al lavoro alla GMP di Rovato, paese in cui vive. Quel lavoro che ora ha perso perché l'azienda, settore montaggio e manutenzione piscine, è in liquidazione. Lasciando al campione, uno dei nomi forti del ciclismo anni '90, l'unico appiglio del sussidio di disoccupazione dopo che del suo caso …