Post

Visualizzazione dei post da luglio 19, 2017

A Roglič il Galibier, Aru giù ma non di testa

Immagine
Nella giornata più difficile, Fabio Aru perde di vista il podio (è quarto a 53”) ma non il lato positivo. La testa, c’è. A mancargli, nel finale, sono state le gambe.
Tappone già storico, il primo dei due alpini consecutivi: 183 km su e giù da La Mure a Serre Chevalier con tre colli da leggenda, Croix de Fer, Telegraph e Galibier, tetto di questa Grande Boucle a quota 2642 metri, prima dei 28 km di discesa finale.
Perso Kittel dopo 20 km per una caduta (addio Champs-Élysées, maglia verde a Matthews) e ritrovato Contador (suo il record di scalata di Glandon e Croix de Fer a 25 media) prima che scoppiasse, il successo è andato per distacco al due volte Primož Roglič: mai uno sloveno aveva vinto una tappa al Tour. A 1.13 la rivelazione Urán Urán, secondo anche nella generale a 27” dalla maglia gialla Froome, che va a sprintare per il terzo posto davanti a Bardet, poi Barguil e un super Landa. 
Aru ha perso 31 secondi dai big che hanno corso una cronosquadre per spingerlo giù dal podio, …