A Roglič il Galibier, Aru giù ma non di testa


Nella giornata più difficile, Fabio Aru perde di vista il podio (è quarto a 53”) ma non il lato positivo. La testa, c’è. A mancargli, nel finale, sono state le gambe.

Tappone già storico, il primo dei due alpini consecutivi: 183 km su e giù da La Mure a Serre Chevalier con tre colli da leggenda, Croix de Fer, Telegraph e Galibier, tetto di questa Grande Boucle a quota 2642 metri, prima dei 28 km di discesa finale.

Perso Kittel dopo 20 km per una caduta (addio Champs-Élysées, maglia verde a Matthews) e ritrovato Contador (suo il record di scalata di Glandon e Croix de Fer a 25 media) prima che scoppiasse, il successo è andato per distacco al due volte Primož Roglič: mai uno sloveno aveva vinto una tappa al Tour. A 1.13 la rivelazione Urán Urán, secondo anche nella generale a 27” dalla maglia gialla Froome, che va a sprintare per il terzo posto davanti a Bardet, poi Barguil e un super Landa. 

Aru ha perso 31 secondi dai big che hanno corso una cronosquadre per spingerlo giù dal podio, dove è salito Bardet, (complimentato da Macron, assente il 14 luglio per ricevere Trump, prima di volarsene via con l’elicottero presidenziale). II lato positivo, per Fabio, è che c’è ancora l’Izoard, ma lassù, oltre alla testa, dovranno esserci anche le gambe. 
Da Serre Chevalier, Per Sky Sport 24, Christian Giordano

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»