Post

Visualizzazione dei post da maggio 20, 2019

Claudio Chiappucci - El Diablo veste Carrera

Immagine
di CHRISTIAN GIORDANO ©
in esclusiva per RAINBOW SPORTS BOOKS ©

Tutti a dire: ah, se il Gianni avesse avuto il carattere del Chiappa e il Chiappa il motore del Gianni, avremmo avuto un altro Merckx. Balle. 
Chiappucci è diventato “el Diablo” proprio perché ha saputo andare persino oltre i propri limiti. Bugno è stato Bugno. Perché campioni si nasce. Anche se – come il Gianni – si può passare una vita senza rendersene conto o magari neanche ammetterlo. L’autostima di Claudio invece va oltre la lucida follia: quella che gli ha permesso di compiere imprese impensabili anche solo sulla cartina. 
La fuga dal chilometro 14 conclusa con la storica vittoria al Sestriere, pensata e pianificata al punto da strappare al team manager Gianfranco Belleri prima, non dopo, il premio doppio. La folle Sanremo ’91 vinta «alla sua maniera» e cioè scappando non sul Poggio, bensì addirittura sul Turchino, l’ultimo a riuscirci.
Tre podi al Giro e al Tour, e il primo – nel ’90 – poteva benissimo essere giallo e…