Post

Visualizzazione dei post da settembre 1, 2015

SEVENTIES - Channon, un uomo-gol chiamato cavallo

Immagine
di Christian Giordano, Indiscreto.it

Michael "Mick" Roger Channon è stato uno dei più grandi attaccanti nella storia del Southampton, e non soltanto il più prolifico. Nato il 28 novembre 1948 a Orcheston, contea del Wiltshire (Inghilterra), segna al debutto in campionato contro il Bristol City a 17 anni, nell’aprile 1966, ma la stagione seguente – la prima dei Saints in massima divisione – racimola solo una presenza. Nel 1968-69, ceduto Martin Chivers, diventa titolare e l’anno dopo top scorer della squadra: è il 1969-70, annata magica che gli porta anche il primo dei suoi 9 caps con l’Inghilterra Under 23. Con la selezione maggiore, invece, chiuderà con 46 presenze e 21 reti fra il 1972 e il 1977. 
Capocannoniere del Southampton anche nelle successive sei stagioni, tocca il massimo in carriera con 21 gol nel 1973-74. La stagione seguente ne infila 20 in campionato, comprese le triplette contro Oxford United, Bristol Rovers e quella nel 5-0 sul Derby County in Coppa di Lega…

SEVENTIES - Armstrong, Boro scatenato

Immagine
di Christian Giordano, Indiscreto.it
David “Spike” Armstrong al Middlesbrough detiene un record difficilmente superabile. In sette anni col club del Teeside, 356 presenze consecutive presenze fra campionato e coppe da esterno sinistro di centrocampo. Ovvio l’altro suo nickname a imperitura memoria: Mr Consistent, il signor Continuità.
Al Boro da quando aveva nove anni, professionista dal Capodanno 1971, debutta in campionato diciassettenne, nel marzo 1972, contro il Queens Park Rangers. Già titolare in prima squadra, nel marzo successivo, dopo aver saltato la trasferta di Huddersfield Town, comincia la fenomenale striscia che durerà fino al match col Nottingham Forest del settembre 1980, quando, per la prima volta in sette anni e mezzo, il suo nome non sarà a referto.
Nazionale inglese Under 23 e “B”, nel maggio 1980 è nella selezione maggiore che Bobby Robson schiera a Sydney contro l’Australia. Sarà il suo unico cap da giocatore del Middlesbrough, gli altri due (contro la Germania …

SEVENTIES - Macari, el segna semper Lou

Immagine
di Christian Giordano, Indiscreto.it Nato a Largs, nel North Ayrshire, da genitori italiani emigrati a Edimburgo, Lou Macari arriva al Celtic nel 1970. Vanta già 57 reti in 100 presenze e due double consecutivi quando, nel gennaio 1973, diventa l’ennesimo scozzese reclutato per il Manchester United dal manager Tommy Docherty. 
Anzi, dal suo assistente Pat Crerand, che bracca Macari in tribuna all'Anfield, dove Lou stava per firmare col Liverpool. Un furto che, negli anni, ripagherà fino all’ultimo penny le 200 mila sterline versate per quel ragazzino in gol già al debutto coi Red Devils, contro il West Ham. Con Gordon Hill, Steve Coppell e i fratelli Brian e Jimmy Greenhoff, Macari sarà uno dei simboli dello United di metà anni 70. Spettacolare sì, ma non uno squadrone, visto che nella prima stagione piena di “Little Lou” al club dell'Old Trafford, la squadra, dopo 37 anni, scende in Second Division. 
Macari però, l’anno dopo, firmerà l’1-0 sul Southampton che vale il primo p…

SEVENTIES - La schiena dritta di Gerry Daly

Immagine
di Christian Giordano, Indiscreto.it
Irlandese di Cabra, sobborgo a due km a nord-ovest del centro di Dublino, dov’è nato il 30 aprile 1954, Gerard Anthony Daly comincia a giocare a Drumcondra, nella celebre fucina Stella Maris. Il suo primo club vero è il Bohemians, nel quale segnerà anche in Coppa UEFA, a Colonia, nel settembre 1972. 
Nell’aprile 1973, per 12.500 sterline, lascia i Gypsies per il Manchester United, che in Irlanda storicamente attinge spesso e bene. Un mese sotto il manager Tommy Docherty e arriva la prima delle sue 48 presenze (tutte da titolare, con 13 gol) in nazionale. Ai Red Devils, però, saranno più dolori che gioie. Centrocampista completo dal fisico leggerino, patisce un adattamento più lungo del previsto. Diciamo un annetto, visto che il posto fisso sarà una chimera fino a marzo 1974. 
Presenza marginale nella squadra retrocessa dalla prima alla seconda divisione nel 1973-74, diventa – in coppia con l’ala Gordon Hill - l’asse portante di quella che domina i…