Il gran giorno di "Mr. G"


Geraint Thomas ha - di fatto - vinto la 105esima edizione del Tour del France. E nessuno più di lui lo ha meritato. Non solo per quanto ha fatto nelle 20 tappe, ma anche - e forse soprattutto - per quanto ha fatto per tutta la carriera. Per i compagni e per la squadra - che fosse il Team Sky o la nazionale britannica - prima ancora che per sé.

A scriverlo, postarlo, twittarlo non sono solo tifosi, critica o dirigenti più o meno interessati.  Sono, per esempio, suoi illustri ex compagni come Cavendish e Wiggins, due che nel Team Sky mai si sono davvero integrati. E che di tutto si possono accusare tranne che di piaggeria verso la squadra del loro ex boss Sir Dave Brailsford, gallese come "Mr G".

Forse il meno predestinato andato a scuola con Gareth Bale e l'ex rugbista Sam Warburton: immaginate la gioia del professor Steve Williams, docente di educazione fisica alla Withcurch High School di Cardiff. 

Lo stesso ex pistard - 2 ori olimpici e tre mondiali più altri tre podi iridati - sei anni fa in nazionale guardava ammirato e quasi incredulo Wiggo vincere da primo britannico la Grande Boucle. E mai avrebbe immaginato che un giorno sarebbe toccato a lui succedere nell'albo d'oro agli altri Brit in giallo: Wiggins, 4 volte Froome e ora Thomas.

La crono vallonata di 31km fino Espelette serviva solo a stabilire chi e come salirà ai suoi fianchi sul podio di Parigi. L'ha vinta il campione del mondo della specialità, Tom Dumoulin con un secondo su Froome e 14" sullo stesso Thomas, campione britannico contro il tempo. Secondo dietro Froome al Giro, Dumoulin chiude piazzato anche al Tour, a 1'51" dalla maglia gialla. Froome, terzo a 2'24", chiude un podio reale di cronomen in un Tour disegnato per uno scalatore, il francese Bardet, e meritato più di tutti da un pistard. Che non piangeva da tre anni, dal giorno del suo matrimonio. Well done, Mr G.
PER SKY SPORTR 24, CHRISTIAN GIORDANO

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»