José Perez Frances, il bel tenebroso




Tanti auguri oggi a José Perez Frances, nato a Penacastillo il 27 dicembre 1936.
Il "torero" o il "bel tenebroso", come veniva chiamato per il suo portamento e la sua espressione, è stato un buon corridore e avrebbe potuto cogliere risultati ben più apprezzabili, specialmente nelle corse a tappe, se fosse stato sostenuto e spalleggiaqto adeguatamente. E' stato, fra l'altro, 7° al Tour de France '61, 3° nel '63 alle spalle di Anquetil e Bahamontes e 6° nel '65, quando vinse la tappa di Barcellona; al Giro d'Italia è stato 6° nel '62 e 5° nel '67 quando vestì la maglia rosa per otto giorni; nella Vuelta 3° nel '61 battuto da Soler e Mahè, 2° nel '62 alle spalle di Altig, ancora 3° nel '64 quando a precederlo furono Poulidor e Otano e 2° nel '68 con una tappa vinta a Gijon e chiudendo a 2'15" da Felice Gimondi. Tra i suoi successi (una trentina circa) spiccano il Campionato di Spagna '63 (2° nel '62 e nel '69), il Giro del Levante '65 e '67, la Barcellona-Viella '60, il Gran Premio Sabadell '60, il Trofeo Fina '65 e la Barcellona-Andorra '67 in una carriera professionistica durata un decennio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»