Maurice Dewaele, il Metronomo

https://www.facebook.com/Storie-di-ciclismo-313059979101026/?hc_ref=ARQB9sYq9won703ZZSx1Qxzypouv_czShuJhHpeNx4Ymq07Sb8i7oluy5YZpTZWbtVc&fref=nf

Il 27 dicembre 1896 nasce Maurice Dewaele, ciclista su strada, ciclocrossista e pistard belga che fu professionista dal 1921 al 1931 e vinse il Tour de France 1929.
Per la straordinaria regolarità era stato definito "il metronomo". Corridore da gare a tappe seppe farsi onore particolarmente al Tour de France, dove in tre edizioni successive fu 2° nel '27 alle spalle di Nicolas Frantz, 3° nel '28 sempre dietro a Frantz e Andrè Leducq e finalmente 1° nel '29. In questa edizione, col patron Desgrange che ordinò partenze separate fra i 155 concorrenti per aumentarne la combattività, fu sull'orlo del ritiro durante l'attraversamento delle Alpi, poi si seppe riprendere, anche grazie alla collaborazione di una squadra molto attrezzata come l'Alcyon, e conquistare la vittoria a Malo-les-Bains prima di approdare in giallo a Parigi. 
Vincitore anche del Giro del Belgio del '31 (con una tappa), dopo aver conquistato due volte il secondo posto (nel '25 e nel '29 e dopo averlo vinto anche da indipendente nel '21) e del Giro dei Paesi Baschi nel 1928 e nel 1929, non ebbe molta fortuna nelle gare in linea, rimediando solo una piazza d'onore nel Campionato del Belgio del '32 e nella Parigi-Bruxelles dello stesso anno. Nel Tour del '31, il secondo per squadre nazionali, fu 5° completando l'affermazione del Belgio che piazzò Demuysere (2°) e Rebry (4°).

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»