Ma se Roche non funziona son dolori

Bicisport n. 3, marzo 1989

«Certo il rischio è grosso». Così ha detto Pierre Bazzo commentando l’impostazione della Fagor per la prossima stagione. In realtà la squadra è stata formata esclusivamente per Roche. Se l’irlandese non va è praticamente inutile che la Fagor si presenti al via delle corse. «Ma noi siamo molto ottimisti. Abbiamo fatto una scelta strategica. Tutti per uno. E il numero uno è Roche. I casi di rinascita di grandi campioni nel ciclismo non sono mancati. Ricordate Hinault? Tutti lo davano per finito e invece alla fine della carriera è rinato. E anche Fignon ha dato buoni segni. Un anno fa ha vinto la Sanremo. Perché la stessa sorte non dovrebbe toccare a Roche?».

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»