Landa-bis sul Mortirolo, Contador "vince" il Giro

Alberto Contador il Giro non lo ha ancora vinto, ma a perderlo - dall'Aprica a Milano - adesso può essere solo lui. La maglia rosa ha compiuto l'ennesimo capolavoro scalando il Mortirolo con 50" secondi di ritardo dal gruppetto di testa; ai meno sessanta dal traguardo, in discesa dopo il primo passaggio sull'Aprica, ha forato e prima con la squadra e poi senza gregari è andato a riprendere i fuggitivi, staccando Aru e lasciando via libera per il secondo giorno consecutivo all'altro big dell'Astana, il basco Mikel Landa; che la gerarchia della strada ha nominato capitano di fatto del team kazako.

Oltre a rivoluzionare ancora la classifica, il tappone più duro di questo Giro ha scritto anche altri verdetti: al secondo posto Landa ha scavalcato il compagno Aru e ora insegue la maglia rosa a 4'02", ARU - settimo al traguardo - è terzo a 4'52".

Sopresona di questo Giro è Steven Kruijswijk, 27enne olandese che nel 2011 chiuse ottavo e all'Aprica è arrivato secondo nonostante Contador abbia fatto tutto per fargli vincere la tappa in cambio dell'alleanza costruita in corsa per mancanza di compagni.

Un anno fa Vinoukourov dovette rimangiarsi la email di richiamo dopo che Nibali dominò il Tour. Stavolta il patron Tinkoff dovrà fare altrettanto con lo strepitoso Contador visto sul Mortirolo, scalato in 45'07, cioè 2'27" in più rispetto al record di 42'40" stabilito da Ivan Gotti al Giro del 1996. 
Benvenuti all'alba di una nuova era. L'era del Pistolero.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

 
Oridne di arrivo 16T — 1. Mikel LANDA (Spa, Astana) 174 km in 5h02’51”; 2. Kruijswijk (Ola) a 38”; 3. Contador (Spa); 4. Trofimov (Rus) a 2’03”; 5. Amador (C.Rica); 6. Hesjedal (Can) a 2’10”; 7. Aru a 2’51”; 8. Caruso a 3’16”; 9. Konig (R.Cec) a 3’19”; 10. Betancur (Col) a 3’19”.

Classifica generale 16T — 1. Alberto CONTADOR (Spa, Tinkoff-Saxo) 65h04’59”; 2. Mikel LANDA (Spa) a 4’02”; 3. Fabio ARU a 4’52”; 4. Amador (C.Rica) a 5’48”; 5. Trofimov (Rus) a 8’27”; 6. Konig (R.Cec) a 9’21”; 7. Caruso a 9’52”; 8. Kruijswijk (Ola) a 11’40”; 9. Geniez (Fra) a 12’48”; 10. Hesjedal (Can) a 12’49”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»