Matthews su Sagan: rivincita mondiale

Quando si dice gioco di squadra. Tre Orica-BikeExchange nei primi sette, marcatura stretta sull'iridato Peter Sagan e rivincita mondiale servita. A Richmond2015 era stato lo slovacco a beffare l'australiano, a Revel - dopo 197 km - è stato invece Micheal Matthews a bruciare Sagan. E a trovare il suo primo successo al Tour. Alle loro spalle gli altri fuggitivi: il norvegese Boasson Hagen,  il belga ex maglia gialla Van Avermaet, il Dumoulin francese e il sudafricano Impey, che il giallo l'ha indossato per due giorni ma nel 2013. 

E' stata la prima di due tappe di trasferimento consecutive in vista del duplice snodo di questa 103esima Grande Boucle: il Mont Ventoux di giovedì 14 e la crono individuale di venerdì 15. Lì si capirà, perlomeno, chi il Tour potrà solo perderlo.

Intanto, a festeggiare è il 25enne Matthews, che dal primo agosto sarà libero di firmare per la Giant-Alpecin, dove sostituirà John Degenkolb, già promessosi alla Trek-Segafredo per il dopo-Cancellara. E il tedesco, autore un anno fa della storica doppietta Sanremo-Roubaix si porterà dietro almeno un paio di compagni. Quando si dice gioco di squadra.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»