Gert-Jan Theunisse




Tanti auguri oggi a Gert-Jan Theunisse, nato a Oss il 14 gennaio 1963, professionista dal 1984 al 1995, che conta una vittoria di tappa al Tour de France, corsa in cui si aggiudicò anche la classifica scalatori nel 1989.
Insieme al connazionale Steven Rooks, compagno di squadra alla Panasonic ed alla PDM, tra la fine degli anni 1980 e l'inizio degli anni 1990 è stato tra i protagonisti al Tour de France, rivaleggiando spesso con atleti come Pedro Delgado, Greg LeMond e Miguel Indurain. 
Dopo aver debuttato nel 1987 con un anonimo 48esimo posto, nel 1988 concluse al quarto posto la corsa francese, salvo poi essere penalizzato di dieci minuti (e retrocesso all'undicesimo posto) dopo che in un controllo antidoping gli era stato rilevato un tasso anormale di testosterone;l'anno dopo fu ancora quarto, senza penalità, alla Grande Boucle, conquistando tra l'altro la maglia a pois di miglior scalatore con la vittoria di tappa sul traguardo dell'Alpe d'Huez.
Negli anni successivi le sue prestazioni andarono in calando, terminando non meglio che 13esimo nel 1991 e nel 1992, correndo pure al Giro d'Italia nel 1990, 15esimo, e alla Vuelta nel 1992, 11esimo.
In carriera vanta un successo alla Clasica di San Sebastiano nel 1988, nella classifica finale della Vuelta Asturias nel 1989 e nella Vuelta a Los Valles Mineros e al Giro del Lussemburgo nel 1991, anno in cui si impose anche alla Acht van Chaam. Nelle grandi classiche è stato invece nono al Giro delle Fiandre nel 1988, e ottavo e settimo nelle edizioni 1990 e 1992 della Liegi-Bastogne-Liegi.
Nel 1999, intervistato dal quotidiano olandese Eindhovens Dagblad, ammise di aver fatto uso di Celestone, un corticosteroide, sostanza proibita dai regolamenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Francesco Conconi: ho fatto il Test

Cristiano Gatti, il quarto d'ora di umanità dell'ultimo giapponese

Gianpaolo Tessari: «Moser è il Trentino»